ALMANACCO DELLO SPECCHIO (Mondadori, 2006)

HO AGGIUNTO UN CORPO TRASPARENTE ALLA CASA
 
Vedendolo giocare con la palla e osservando la fluttuazione scheletrica della sua anima sotto forma di ombra circostante agli svoli – alle orbite rosse, ai campanili
della palla sull’ampio
schedario terrestre – la bambina gli disse ma tu sei uguale
a me!: inginocchiato, semplice e colpito al cuore – come la terra
sorvolata dal guizzo delle sfere
riveli il tuo costrutto di animale innalzato.
 
Ma io credo che dritto sulle gambe
tornerai – perché avanzavi (con la borsa
leggera, quasi vuota) costantemente verso una misura
domestica. Io
sono in pace, data
la luce verso la quale piego il tuo silenzio.
Davanti al tuo silenzio
io ricordo, io sono consumata dalla fratellanza.
 
Tu adesso sei corpo che non vedo ma che è stato
certamente. E’ bello come l’amore che contempla
il proprio resoconto di violenza e di pace, a cose fatte capire
di avere costruito il visibile e l’invisibile insieme
come una torre che porta in cima una torre, l’intera fabbrica del mondo.
 
L'ALTARE DELLA SPECIE
 
Era facile amarla ma era destinata
ad andarsene frettolosamente e insieme ad aderire
a certi preparativi che gli indizi rivelano
meticolosi. Di pomeriggio si prendeva cura del giardino
in silenzio. Non capivamo quello che pensasse, era
tranquilla. Oppure
trafficava su un notes. Tutte le notti – rivestitosi
l'ultimo cliente – comprava un dolce per la colazione della madre.
 
Nell'acqua viaggiano i rifiuti e vengono
trattenuti a intervalli regolari dalla grata sepolta
nel buio e nel silenzio che si formano molti metri sotto
l'aspetto superficialmente aereo dell'acqua
che dipende dall'attardarsi del sole alla sommità come una lacca
democratica, un getto straripante di ottimismo
anche nelle orticaie disossate dall'urto delle fabbriche.
Si chiama strada del canapificio e porta
in una mescolanza di fanghiglia e zolla
resistente all'imprimersi del cascame animale alla centrale
idroelettrica – è un sentimento interrotto, una deriva dei continenti e dei relativi disastri sommersi
nell'isola del corpo che finisce
alla porta del grande casamento: c'è soltanto un custode e controlla
l'andirivieni tra le due parti d'acqua e fiamma serpentina o forse trasmigrazione.
 
La trovammo in uno strano abbandono
come se tutti scissi i legamenti:
quasi niente dell'acqua del canale
nessun cattivo pensiero
nessuna ironia
non una goccia d'acqua nei polmoni, neppure
diatomee – il corpo sostenuto da una luce critica
oltre il proprio abbandono – pulsava al sole come in preda a un'estasi.
25 ottobre 2004
 
NON AVRAI CHE LA VITA
 
Le scarpe non vennero ritrovate.
Ma la luce batteva coitale sul corpo della ragazza
cristallizzato nella testimonianza.
Tra gli occhi e il ventre
tracce di lavatoio – un percorso a ritroso per stabilire gli alibi.
Il portone risultò chiuso con molte mandate.
 
Ardeva come un'ostia nella materia
lacrimale del tardo pomeriggio – con il capo impigliato tra gli arbusti
e la pervicace ripetizione dei giri. Per cause sconosciute
non ha potuto compiere i suoi anni
qualsiasi funzione avessero singolarmente ma un immobile
addio alla bellezza del mondo
riscaldava la fibra che resiste
grido di gioia del corpo senza dolore.

Cerca nel sito

Eventi