nota per un libretto di poesie scolastiche (25.5.17)

Il mondo si cambia sognando un mondo nuovo

per il bambino che stamattina, nascosto dietro il quaderno e facendo le smorfie per incoraggiarsi da solo, ha immaginato, scritto e letto davanti a sessanta compagni le parole del padre: "lascia stare la morte, che non c'è. io mi ricordo tutto, non ti lascio mai solo" – Roma, 26 ottobre 2016

quando ti dicono all'orecchio non ci provare con lei, non parla. ma tu arrossisci e insisti, perché hai imparato la misteriosa democrazia della poesia – e la bambina legge un'intera poesia e i compagni applaudono e tu e la maestra ingoiate a vuoto. è un momento di grazia, un niente. ma chissà... – Roma, 25 maggio 2017

Presto servizio volontario nella scuola pubblica perché credo alla misteriosa democrazia della poesia, credo ancora che Orfeo possa commuovere le pietre – e credo che i bambini siano ciascuno sede naturale di poesia. Ma i bambini sono soprattutto generosi, non hanno remore nel consegnarsi, perché sono ancora affascinati dall’avventura di conoscersi.

Dicono infatti che, grazie alla poesia, scoprono parti di sé. Dicono che la poesia è libertà, conoscenza, fantasia, melodia e anche pazienza, di aspettare la parola esatta e giusta. Dicono anche che non si sa cosa sia, che ciascuno lo sa nel proprio intimo e, perciò, è come togliersi la maschera. Hanno ragione.

Dicono che guardano il mondo e poi guardano se stessi e vorrei che scoprissero anche loro che tra se stessi e il mondo non c’è più differenza. Almeno per quel breve momento di grazia durante il quale scrivono e, come fanno i poeti, diventano altro da sé, altri, semplice e complesso mondo. Realtà.

Tanti auguri di cuore, cari ragazzi, per la vostra vita. Che sia libera, che sia a contatto con la verità. Che siate sempre quello che siete, senza far danno a nessuno. E, se farete male, chiedete scusa. Così, sarete voi stessi delle poesie viventi. Ve l’ho ripetuto tante volte: la poesia non è solo sentimento e fantasia, è guardare gli oggetti del mondo, vedere gli altri. E dopo, solo dopo: scriverne. Facendo, con le vostre parole, la musica che avete saputo fare.

Poesia è, infine e soprattutto, andare oltre il disincanto che vorranno insegnarvi, pretendendo di spiegarvi come si vive. Lo imparerete da soli, a vostre spese. Lasciate che vi tengano per mano finché ne avrete bisogno. Ma non permettete a nessuno e a niente di disilludervi. Il mondo non si cambia accettando il mondo per quel che è, il mondo si cambia sognando un mondo nuovo, perché il mondo è fatto di persone e chi crede alla bellezza cambia in meglio il suo pezzo di mondo.

Grazie,
Maria Grazia
nota per il libretto di poesie raccolte dalla maestra Patrizia del Pio, IC "Petrassi"

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca nel sito

Eventi