La poesia va in carcere (25.5.13)

"Nell'agosto dello scorso anno sono stata invitata a Regina Coeli per fare una lezione di poesia". La poetessa Maria Grazia Calandrone racconta a Rai Letteratura la sua esperienza all'interno del noto carcere romano: un ciclo di letture e conversazioni nel più classico dei luoghi di restrizione organizzato dai volontari dell'associazione A Roma, insieme. "Mi sono trovata in questa sala piena di "cattivi ragazzi", tutti uomini e sono stata aggredita in qualche modo dal loro bisogno di raccontare", continua. I versi di Caproni, Celan, Mandel’stam, Sereni ma soprattutto i testi dei detenuti.  Le parole tornano ad avere il gusto dolceamaro della salvezza.

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca nel sito



"Poesia"  "Nuovi Argomenti"  Nazione Indiana  le parole e le cose  Iris di Kolibris Lpels

la Recherche  Atelier Poetarum Silva  vibrisse  Dedalus  PennSound  Panorama Cultural

la27ora del CorSera

Rai Letteratura

Radio3Rai