il bacio sulla fronte, 'na specie de poesia

You need to a flashplayer enabled browser to view this YouTube video



forse, chissà, vedremo, magari ’n indomani… e se ne so’ annati du’ anni… so’ du’ anni
ch’aspetto… ma a la fine
ho capito!: se dovemo da’ ’na punta direttamente al bar dell’ospizio,
pe’ ’sto caffè!
me riconoscerai, sarò sempre ’sta specie fessacchiotta
de monella, che svampa co’ le Muse: c’avrò ’na carrozzella
gialla, scappottata
e la testa in disordine. come sempre
farò finta de stacce, su la tera, ma l’anima mia
da mo’ che se n’è annata!
e te lo sai n’do sta, te c’ho portata, e tu
ce sei venuta, radiosa e semplice come ’na pupa…
e te, te sarai sempre
la regazzina matta e volitiva
che me commuove, fanciulletta che impara a fa’ la guera e chiude l’occhi e sta attaccata ar monno
co’ tutteddue le mano, pe’ nun volassene nel cielo azzurro
alta sui tetti come ’n’aeroplano
o ’n passeretto, ’na rondinella garrula, senza pensiero...
vedrai che i denti ce l’avremo tutti, pe’ potesse soride
come quann’eravamo pischelle.
te ricordi? ogni volta ’no schianto d’allegria
come ’na sventajata de mitraja
’n pieno petto…
ciao, stella d’oriente. vivi felice, dentro la bellezza che ti viene incontro.
e pensame, ogni tanto. tipo al mattino, si t’affacci e te trovi in mezzo ar sole
che ancora se stiracchia
e friccica e sbadija
dietro l’antenne de la Tuscolana, ricordate che io te vojo bene
come l’ape vo’ bene
a ’na valle de ginestra.
dopodeché, richiudi la finestra,
mòvete, scenni, sbatti i tacchi sui cocci, fatte vede
che ridi,
vattene a vive!

Roma (!), 21 aprile 2017

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna