Ponge Francis e Jesper Svenbro (31.3.18)

l'allegria materialista e l'ironia detonativa di Francis Ponge, che indica i sedimenti culturali, le stratificazioni di linguaggio sulle cose che adoperiamo ogni giorno come pane e acqua. se il linguaggio è la nostra sola patria, le cose sono l'altro, che ci trasporta fuori di noi, fino all'ambizione di camminare un mondo sconosciuto - la poesia come massima apertura secondo Marco Giovenale e l'abbraccio della storia umana, da Saffo a Instagram, da Lesbo come isola della grande poesia a isola del grande dolore dei profughi siriani, nella visione del poeta svedese Jesper Svenbro

ascolta 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca nel sito