Canne in poesia (15.12.18)

forte come una canna che non si spezza, debole come una canna che sempre si piega. l’umanità vista da Trilussa, Grazia Deledda e dal poeta curdo Sherko Bekas, con la SNIA viscosa di Michelangelo Antonioni e l‘inedito finale a sorpresa

ascolta

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Cerca nel sito