RAI Radio3: "QUI COMINCIA..." 9.2010 / 11.2015 / 2-11.2017

Osip Mandel'stam (21.10.17)

Osip Mandel'stam, il poeta che subisce la condanna e anche la clemenza di Stalin: poeta, ovvero "ingegnere dell'anima umana", secondo lo stesso Stalin, un testimone della bellezza del mondo nonostante tutto, ci porta nella bottega di un barbiere e nell'aria di festa che vede dal suo esilio a Voronez. perchè la poesia è "gioia del divenire", tanto più intensa quanto più arrendevole

ascolta

poesia e gioia (15.10.17)

la gioia in poesia: dal canto del qui e ora del poeta ispirato in diretta dalla bellezza del mondo (Rimbaud, Khayyam, Anedda e Gualtieri) alla felicità di Neruda accanto al corpo della donna amata all’abbraccio delle moltitudini di Schiller

ascolta

Pierluigi Cappello (14.10.17)

Pierluigi Cappello: quando ci si accosta alla gentilezza di un poeta il nostro punto di vista sul mondo viene terremotato - e il nostro cambiamento cambia la risposta delle cose, perché il mondo diventa quello che siamo: non vediamo le cose per quello che sono, ma per quello che siamo. fino all’apparizione finale, all'incommensurabile, intuìto per il tramite delle parole e dell'intelletto d'amore

ascolta

la notte in poesia, da Alcmane a Sereni (8.10.17)

la notte in poesia, dai mostri nel Notturno di Alcmane allo sbarco di Normandia in Non sa più nulla, è alto sulle ali di Vittorio Sereni, passando per Alla notte di Salvatore Quasimodo e Anche la notte ti somiglia, scritta da Cesare Pavese per l'attrice Constance Dowling, che un giorno lontano era l'alba. infine, l'amore terminale ne La notte di Michelangelo Antonioni e il disvalore sociale di uno scrittore negli occhi di un pragmatico industriale

ascolta

Giorgio Caproni (7.10.17)

i cambiamenti della visione di mondo in Giorgio CAPRONI: dalle ragazzine delle marine livornesi all'inesistente vero tra gli spini montani, l’aria che spira nelle sue poesie, che prima sa di mare e di ragazze, poi di filastrocca infantile, quando rende immortale la madre-fidanzata: lei, Anna Picchi, l'Annina "fina / e giovane" diventata "la mamma-più-bella-del-mondo" e poi andata via; “Anima mia, sii brava / e va’ in cerca di lei. / Tu sai cosa darei / se la incontrassi per strada.”

ascolta

Cerca nel sito