Categoria

Canne in poesia (15.12.18)

forte come una canna che non si spezza, debole come una canna che sempre si piega. l’umanità vista da Trilussa, Grazia Deledda e dal poeta curdo Sherko Bekas, con la SNIA viscosa di Michelangelo Antonioni e l‘inedito finale a sorpresa

ascolta

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

www.mariagraziacalandrone.it © 2021 - tutti i diritti riservati - Realizzazione sito web: Bepperac Web di Racanicchi Giuseppe